Cashback: come funziona e significato

Il cashback è una formula utilizzata da alcuni siti, intermediari o app che si sta diffondendo ultimamente sempre di più. Grazie al cashback è infatti possibile risparmiare sugli acquisti, ma non si tratta di un vero e proprio sconto e vedremo in seguito il perché.

Cashback: significato

Qual è il significato di cashback? Letteralmente possiamo tradurre il termine inglese in italiano con “soldi indietro”. Il nome ha una presa maggiore di sconto e funziona benissimo nel marketing. Il consumatore sarà infatti portato ad acquistare beni o servizi se questa formula è presente.

Cashback: come funziona?

Compreso il suo significato letterale, passiamo ora a spiegare come funziona il cashback. Come abbiamo detto non è propriamente una forma di sconto, come mai? Infatti il consumatore pagherà all’esercente l’intera cifra senza nessuno sconto.

Solo successivamente al pagamento l’intermediario effettuerà il cashback, ovvero vi accrediterà la cifra concordata, che spesso è in percentuale alla spesa sostenuta, anche se non è una regola. Ne esistono infatti prestabiliti non correlati in alcun modo al denaro speso.

Questa formula anche se non propriamente sconto di fatto è un risparmio per il consumatore. Potremmo anche impropriamente definirla uno sconto, dal momento che alla fine delle transazioni il cliente ha pagato il bene o il servizio a un prezzo inferiore di quello sul mercato. La differenza sostanziale sta quindi nella disponibilità di denaro, in ogni caso dovreste avere una disponibilità economica tale da permettere l’acquisto del prodotto a prezzo di mercato.

È il negozio ad effettuare il cashback? Non sempre. Come abbiamo anticipato spesso di questo se ne occupano gli intermediari, i quali proprio grazie a questa formula permetteranno ai negozi di attirare più clienti. In cambio gli esercenti pagheranno l’intermediario con una commissione o altri metodi di pagamento concordati.

In Italia non è ancora una formula molto popolare, ma sta iniziando a diffondersi e ad essere apprezzata dai consumatori italiani. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito è invece più radicata fra i consumatori.