Coworking: la condivisione dello spazio di lavoro

Il coworking è un nuovo modo di intendere gli spazi lavorativi. Esso infatti prevede la condivisione dello spazio di lavoro con altre persone non necessariamente della stessa azienda o settore e rientra nella sharing economy. A usufruire del coworking sono tendenzialmente liberi professionisti o lavoratori freelance che altrimenti avrebbero dovuto svolgere la propria attività da casa o avrebbero dovuto affittare un ufficio personale a costi più alti. Inoltre gli uffici condivisi sono ricercati anche dai lavoratori viaggiatori, che devono necessariamente trovare uno spazio provvisorio dove lavorare.

Il coworking si sta diffondendo in modo dirompente anche in Italia, dove venne importato nel 2008. Sono nati molti spazi di coworking a Roma, Milano, Torino, Bologna, Firenze e in tante altre città italiane.

Il vantaggio di questa forma di lavoro è innanzitutto economico, infatti uno spazio di lavoro condiviso costa meno di un ufficio personale, ma non si limita solo questo, avendo esso altre caratteristiche interessanti. Infatti il coworking non deve essere inteso solo come la condivisione degli spazi di lavoro, ma anche come un luogo dove i professionisti possono interagire fra loro creano sinergie e nuove opportunità di business.

A chi è dedicato il coworking?

Chi lavora da casa spesso è meno produttivo a causa delle classiche distrazioni domestiche o soffre la condizione di isolamento. L’ufficio condiviso può essere quindi una soluzione per quei lavoratori freelance che possono permettersi una piccola spesa e lavorare fuori dalle mura domestiche.

L’ambiente inoltre stimola la produttività, dal momento che all’interno dell’ufficio condiviso ci sono altre persone concentrate sul proprio lavoro, che non deve essere necessariamente lo stesso. Gli uffici condivisi sono infatti aperti a tutti e ad usufruirne ultimamente non sono solo singole persone, ma anche piccole aziende. In questo caso si parla di coworking aziendale.

Per una start-up infatti è economicamente conveniente iniziare la propria attività in un coworking aziendale piuttosto che affittare uno spazio ad uso esclusivo della nuova società.

Coworking costi

Un costo standard non esiste e viene scelto da ogni ufficio condiviso in modo indipendente. Esso varia a seconda dei servizi offerti, delle dimensioni e della zona dove si trova lo spazio, ma tendenzialmente il prezzo medio di un ufficio condiviso si aggira dai 200€ ai 300€ al mese, inclusa la connessione ad internet. Per ogni dubbio in merito ai costi conviene rivolgersi direttamente allo studio condiviso.

Potrebbe interessarti anche >>> Smart working: definizione e vantaggi del lavoro agile